Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_caracas

Curriculum Vitae

 

Curriculum Vitae

Silvio Mignano è nato a Fondi il 23 ottobre 1965. Si è laureato in giurisprudenza alla Sapienza di Roma il 9 maggio 1988, ha svolto il servizio militare quale artigliere contraereo tra il 1988 e il 1989 e ha vinto il concorso diplomatico nel 1990, entrando in carriera il 4 marzo 1991.

Dopo un periodo alla Farnesina presso la Direzione generale del personale è stato primo segretario a L’Avana (1994-1998) e a Nairobi (1998-2001), dove ha ricoperto le funzioni di vice ambasciatore. Ha successivamente lavorato quale capo segreteria della Direzione generale per i paesi delle Americhe ed è andato di nuovo all’estero con le funzioni di Console generale a Basilea (2004-2007) e ambasciatore a La Paz (2007-2010). Ancora in Italia con gli incarichi di capo dell’Ufficio I della Direzione generale per le risorse e l’innovazione e poi di direttore dell’Organismo indipendente di valutazione, ha assunto finalmente le funzioni di ambasciatore d’Italia in Venezuela il 12 maggio 2015.

È anche ambasciatore presso i governi di Barbados, Dominica, Grenada, Guyana, Saint Lucia, Saint Vincent e le Grenadine, Trinidad e Tobago, e rappresentante italiano presso il Caricom e il Cariforum.

Ha ricevuto dal Presidente della Repubblica le insegne di Cavaliere ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica nel 2007.

Silvio Mignano è anche scrittore e poeta. Ha pubblicato i romanzi Una lezione sull’amore (Fazi, 1999), Le porte dell’inferno (Fazi, 2001), La favola del mercante Docibile e della principessa siriana (Robin, 2015), Pilar degli invisibili (Robin, 2015), le raccolte di poesie Taccuino nero per il viaggio (Caramanica, 2003), Non abbiamo uno sceneggiatore di scorta (Gente comun, 2009) e La nostra ribelle buona educazione (Manni, 2011, premio Sertoli Salis per il miglior libro italiano di poesie nel biennio 2011-2012), il libro di racconti El boligrafo boliviano (Robin, 2015) e il libro di favole Il regalo del rinoceronte (Manni, 2004). Come sceneggiatore, ha vinto il premio della Giuria giovani del festival di Locarno nel 2007 per il film Haiti chérie di Claudio Del Punta. È stato anche direttore della VI Biennale di arte contemporanea de la Paz del 2009.

Ha tre figli, Beatriz (2003), Edoardo (2005) e Adriana (2009).



24